Le mamme del calcio - Una mamma protettiva-

Scritto da , il 2021-06-17, genere dominazione

“Mamma posso venire anche io all’allenamento?”. Quella innocente domanda di mia figlia 16enne mi fece subito insospettire. Era in piena adolescenza e da più di un anno era intrattabile come tutti i ragazzi di quell’età. E ora mi chiedeva dolcemente il permesso di andare all’allenamento di calcio del fratellino? Qualcosa non quadrava. “Certo tesoro” gli risposi dolcemente ma guardandola con occhio più attento. Si era truccata, un vestitino corto e quel seno prorompente che era sbocciato negli ultimi anni che tendeva la scollatura. Era proprio una bella ragazzina, dopotutto era figlia mia. Occhi nocciola, capelli neri lunghi, labbra carnose, tutte caratteristiche che aveva preso da me. E pure il carattere, ribelle, passionale, incline alla rabbia e alle sfuriate. Una mia fotocopia, specialmente quanto ero giovane. A volte mi scoprivo a guardarla con un pizzico di gelosia. Io ormai quarantenne qualche rughetta sul viso mi era comparsa, il seno, abbondante e morbido, aveva cominciato negli ultimi anni a cedere all’inesorabile forza di gravità, restando pur sempre piacevole. Certo, le estenuanti sessioni di palestra che riuscivo a incastrare tra i doveri di brava casalinga mi permettevano di essere ben fiera del mio corpo, specialmente dopo 2 gravidanze ma non poteva reggere il confronto con la mia Alice. Su queste riflessioni guardai Matteo con l’entusiasmo di un bimbo di 8 anni correre con i suoi pantaloncini corti e la maglietta e buttarsi in macchina.
Dopo 20 minuti stavo parcheggiando nel centro sportivo, Alice era silenziosa, Matteo non era stato zitto un attimo ottenendo da me solo risposte evasive e distratte. Pensavo ancora ad Alice, io ero decisamente incline ai guai e alle “avventure” alla sua età, chissà come era lei? Era simile a me anche in questo? Certo io avevo sempre avuto il cervello di non cacciarmi in guai seri, mai usato droghe o altro ma lei? E con i ragazzi? A pensare in certe situazioni in cui mi ero cacciata io, per esempio durante le gite scolastiche, mi inquietavano. Guardai ancora Alice appena parcheggiata e mi venne in mente un episodio, proprio a 16 anni, dove due ragazzi più grandi mi avevano portato in un parcheggio e mi avevano fatto di tutto e, contro la mia volontà, mi immaginai lei, nuda, presa violentemente da 2 ragazzotti. Non potei fare a meno di avere un brivido di spavento e un espressione disgustata sul viso. Lei se ne accorse “Tutto bene mamma?” mi chiese con quell’aria da stronzetta arrogante. Aveva ottenuto il passaggio ed era tornata l’adolescente a cui mi ero abituata.
“Si, muoviamoci” Scendemmo tutti dalla macchina e io accompagnai Matteo fuori e avendolo consegnato all’allenatore, mi unii alle altre mamme a parlare.
Il centro sportivo era enorme e moderno, campi da calcio, da basket e pure uno skate park. Più in la una serie di squadre si stavano allenando. MI persi nei discorsi “da mamme” ascoltando un po’ annoiata le altre lodare i successi dei propri figli. Ma con un occhio tenevo d’accordo Alice. Vedevo la sua figura slanciata aggirarsi nel parcheggio e messaggiare col cellulare. Cosa stava tramando? Forse aveva preso a fumare? Delle urla dal campo mi distolsero da lei. Una rissa tra i bambini, fortunatamente Matteo non era coinvolto. Guardai un po’ divertita il figlio di una delle mamme più fiere che tirava i capelli e mordeva un altro ragazzino. La rissa fu fortunatamente sedata in fretta dall’allenatore che separò i due litiganti. Finito quel teatrino tornai a chiacchierare con le colleghe. Il mio sguardo tornava al parcheggio. Alice era scomparsa. Non mi allarmai, era una ragazza adolescente, magari si era solo spostata passeggiando o era al telefono con un’ amica. Mi squillò il telefono. Era mio marito che era attualmente a Londra per lavoro. Mi staccai dal gruppo e presi a chiacchierare con lui. Ne approfittai per indagare dove fosse mia figlia. Non la trovavo, prestavo sempre meno attenzione ai noiosi discorsi di mio marito e cominciati a guardarmi in giro ansiosa. Un gruppo di ragazzi 18enni che aveva appena finito l’allenamento mi lanciò un occhiata libidinosa a cui replicai con uno sguardo di disprezzo. Quando finalmente mio marito la smise di tediarmi, la scomparsa di mia figlia prese tutta la mia attenzione e l’ansia la fece da padrona. Presi in considerazione di chiamarla ad alta voce ma non volevo farmi notare dalle altre mamme. Quando ero a un passo dal farmi prendere dal panico, già immaginandola trovata a pezzi in un bosco la sentii.
“Non lo so, non ancora…” Il sollievo quasi mi fece cedere le gambe. Ma durò poco. “Dai, fino ad ora ti ho fatto cose spiacevoli?” Era una voce maschile. Una voce profonda, matura. Ora entrava in gioco una nuova emozione: rabbia. Con chi cazzo si stava incontrando mia figlia di nascosto? “oggi no, vediamo settimana prossima” stava dicendo mia figlia. Lo diceva con un tono che non le avevo mai sentito, languido, caldo, da gattina in calore. Le voci provenivano da un capanno, poco più che un gazebo le cui pareti di legno erano mal assortite e lasciavano parecchi spiragli. Mi misi ad origliare. Lo sconosciuto stava cercando di convincerla a fare qualcosa ma mia figlia resisteva. Il tutto era condito da schiocchi e risucchi e gemiti. Stavano limonando alla grande là dentro. Ma chi era lo sconosciuto? Non resistetti e mi inginocchiai a spiare da uno spiraglio. La scena mi agghiacciò.
Non stavano limonando.
Ma mia dolce Alice era appoggiata a un cassone col vestitino sollevato e le mutandine abbassate e la fichina ben curata in bella vista mentre un uomo, decisamente un uomo adulto, la stava masturbando. Un suo abbondante seno era stato tirato fuori dalla scollatura e il suo capezzolone scuro era in bella mostra, duro ed eretto. Il suono che sentivo non era dato da lingue intrecciate ma dalla fica fradicia di mia figlia!
“eddai, almeno prendimelo in bocca come la settimana scorsa” La frase mi colpì direttamente nel cervello. Da quanto andava avanti queste vergognosa tresca? Mia figlia non se lo fece ripetere, si piegò e senza battere ciglio prese a imboccarsi quell’enorme mazza che il porco aveva tirato fuori dai pantaloncini che indossava. Rimasi congelata a vedere la mia dolce figlia sbocchinare un uomo che avrà avuto almeno 3 volte la sua età. Fu troppo, stavo per fare irruzione quando mi resi conto che non era il modo di procedere. Mia figlia non me l’avrebbe mai perdonato, me lo avrebbe rinfacciato a vita. E col suo carattere cosa sarebbe successo? Magari per ripicca avrebbe fatto ancora di peggio! Smisi di guardare quel vergognoso spettacolo e silenziosamente con la testa che mi girava mi allontanai. Tornai nel parcheggio travolta da un infinità di emozioni contrastanti. Che puttana era diventata mia figlia? Una voce mi ricordò che alla sua età non era tanto differente. Ma ero cambiata! Ero una donna, ero innamorata di mio marito, avevo dei valori ora! Avrei voluto prenderla a sberle in faccia e allo stesso tempo abbracciarla e proteggerla da se stessa. Tornai alle mamme e per la seconda volta mi senti chiedere in quella maledetta serata mi sentii chiedere se stavo bene. Mi inventai una scusa.
Dieci minuti più tardi l’allenamento era finito e guardavo i bimbi tra cui mio figlio andare negli spogliatoi e improvvisamente vidi il Diavolo. Era un uomo sui 50-55 anni. Alto, grosso, braccia muscolose ma con un po’ di pancia. Barba non lunga ma poco curata. Indossava un paio di pantaloncini blu e una polo bianca, un classico da allenatore fallito. Penso che se avessi avuto la garanzia di impunità lo avrei ucciso con le mie stesse mani. “Chi è quello?” Chiesi con malcelato disprezzo a una delle altre mamme “Ah quello? È Andrea, un allenatore della squadra dei ragazzi più grandi” Disse facendo spallucce l’altra casalinga. Lo guardai camminare nella nostra direzione dirigendosi al parcheggio. Doveva aver notato il mio sguardo di puro odio che gli stavo lanciando perché mi guardò. Due occhi azzurri si puntarono sul mio sguardo da tigre incazzata. Dio se lo avrei ammazzato. Lui procedette con passo sicuro fino alla macchina e scomparve. Tornò anche mia figlia. Ora era raggiante. Era stata attenta la troietta, capelli quasi perfetti se non per qualche ciocca fuori posto. Fui tentata di darle una sberla o almeno chiederle dove fosse stata per godermi la palla che mi avrebbe rifilato ma decisi di tacere o avrebbe capito tutto. Infine comparve anche Matteo, di buon umore e allegro come sempre.
Più tardi quella sera ero a letto. Mia figlia era subito scomparsa nella camera da letto e io ero stata alzata a guardare la tele cercare di togliermi quelle abominevoli immagini dalla testa, con scarso successo. Infine mi ero coricata prendendomi pure un sonnifero il cui effetto però tardava ad arrivare. Provai a chiudere gli occhi e fu ancora peggio. L’immagine del corpo denudato di mia figlia che veniva toccato oscenamente da quell’uomo mi tornarono in mente, con dettagli ancora più vividi di come me li ricordavo. I suoi sospiri, il suo sguardo eccitato mentre 2 dita si introducevano dentro di lei e l’altra mano le massaggiava il clitoride. Il pesante seno che si muoveva sotto il respiro pesante. La voce di quell’uomo che la incoraggiava, mentre lei piegata in avanti imboccava quel grosso cazzo nodoso. La rabbia prese a salire. Ma… c’era solo rabbia? Quasi con incredulità senti una fitta alla fica. Provò a scacciare quel pensiero perverso ma non funzionò. La fica prese a pulsarle violentemente. Una voce, una voce che per anni da quando era sposata avevo represso, non poté fare a meno di chiedermi come sarebbe stato esserci io in quel capanno ammuffito. La mano scese in maniera inconsapevole nelle culotte da notte. Il contatto tra il mio dito e il clitoride fu come una scarica elettrica. Era tanto che non facevo sesso con mio marito, sempre in giro per il mondo. Era una vita che nemmeno mi masturbavo. Le mie dita presero meccanicamente ad accarezzarmi con lenti movimenti circolari il clitoride. Rividi le immagini, ma non c’era più mia figlia, c’ero io, ero io quella con il seno pesante esposto, con le mani rudi di uno sconosciuto sul mio corpo, ero io la troietta inginocchiata a spompinare quell’uomo. E su questi pensieri esplosi, letteralmente. Uno schizzo di fluidi partì sul materasso dandomi uno degli orgasmi più intensi degli ultimi anni. Morsi il cuscino per non gemere ma per un attimo toccai l’estasi assoluta. Come un ondata di marea mi travolse, lasciandomi sfinita sulla spiaggia, ansante, in un bagno di sudore e fluidi che avevo espulso durante l’orgasmo. Dio non mi capitava da una vita e specialmente non mi era mai capitata da sola. Quell’orgasmo bestiale fu come staccare la spina a quella assurda e incredibile serata e crollai in un sonno profondo
Al risveglio decisi di ignorare quello che avevo fatto e mi concentrai in maniera pragmatica sul bene di mia figlia. Decisi di non dirle nulla ma avrei parlato con l’allenatore. Incrollabile nella mia determinazione non cedetti più alle pulsioni carnali della masturbazione anche se una sera sembrai quasi ancora cedere. Venne infine il giorno dell’allenamento, mia figlia mi disse con falsa gentilezza “Mamma dimmi quando partite che vengo pure io a fare un passeggiata” Si, una passeggiata. Troietta. “certo tesoro” le risposi dolcemente mentre la guardai sculettare verso la sua camera, sicuramente per infighettarsi.
Dieci minuti più tardi il mio telefono non la smetteva più di vibrare dai messaggi di insulti, di preghiere di tornare a prenderla, di minacce che lei mi stava mandando. In tutto silenzio avevo preso mio figlio ed eravamo andati da soli, senza dirle nulla. Parcheggiai e feci come se nulla fosse unendomi alle mamme. Decisi di spegnere il cellulare visto che la marea di messaggi non accennava a diminuire. Dopo 5 minuti di convenevoli e saluti di rito mi allontani con la scusa di chiamare mio marito ma mi diressi a passo deciso verso il capanno ai bordi del centro sportivo. Arrivai alla porta e con un sospiro la spinsi entrando. Lui era di spalle. “Ce ne hai messo di tempo” disse girandosi e bloccandosi vedendo che non era la sua amante. Vide la furia nei miei occhi e si immobilizzò completamente. Per tutta risposta gli diedi una sberla in faccia. Forte, violenta, con tutta la furia di una madre preoccupata per la figlia “Porco!” gli sibilai in faccia. Lui mi guardò sgomento e per tutta risposta gliene diedi un'altra facendogli girare la faccia “Malato figlio di troia!” gli dissi urlando ma non troppo forte. “Pedofilo!” e mi apprestai a dargli la terza quando la mia mano venne bloccata da una morsa d’acciaio. “Calmati”. Un ordine, secco, diretto, autoritario. Provai a divincolarmi ma senza convinzione da quella morsa d’acciaio e lui, per tutta risposta, mi girò il braccio dietro la schiena immobilizzandomi ancora di più. Ora avevo paura. Era alto almeno 15 centimetri più di me, forte e muscoloso ed era abbastanza spregiudicato da sedurre una sedicenne. Iniziai a respirare forte. Sentivo il suo odore da profumo da 4 soldi, la sua mano muscolosa che stringeva il mio polso, il suo petto appoggiato alla mia schiena. Avrei dovuto urlare dalla paura, fare casino, attirare l’attenzione e far arrestare quel bastardo.
Ma non lo feci.
La verità era che ero terribilmente eccitata. Dovetti emettere feromoni di sesso perché mi divincolai di nuovo e lui mi lasciò andare, probabilmente capendo cosa mi stava succedendo dentro. Feci un passo indietro e lo guardai negli occhi, come ci eravamo guardati quella prima volta. Lo guardai incazzata ed eccitata contemporaneamente. In maniera improvvisa mi avvicinai e gli presi a stringere il cazzo da sopra i pantaloncini. Che cazzo stavo facendo? Lo guardai negli occhi, ora un ghigno era comparso sul suo volto. Slacciai il cordoncino bianco dei pantaloncini azzurri e quel grosso cazzo nodoso che avevo spiato la settimana precedente comparve in tutta la sua grossezza davanti ai miei occhi. Non persi tempo, presi a leccarle l’asta fino a prenderlo tutto in bocca. Che cazzo stavo facendo? Era bastato immobilizzarmi e un ordine ed ero già sottomessa? Perché mi stavo comportando così? Il pulsare violento e osceno della mia fica era la risposta. Era un capanno squallido, nemmeno pavimentato, delle vecchie porte erano in un angolo, qualche cassone da un'altra parte, divise e sacchi con palloni da calcio da un'altra. E io li, in ginocchio, vestita con jeans attillati e una semplice maglietta nera a spompinare una persona a cui non avevo nemmeno mai parlato e che aveva pure usato mia figlia. Lui prese ad accarezzarmi la testa e a darmi il ritmo del pompino e io da docile troia domata lo feci fare. I ritmi si fecero in fretta violenti, quella grossa mazza entrava e usciva dalle mie labbra carnose dandomi quasi la nausea. Ma non fiatai. Mi stava facendo sua, mi stava usando. Senti la sua mazza pulsante ingrossarsi ancora di più e improvvisamente uscire dalla mia bocca. Mi spinse verso il basso e sollevò una gamba appoggiandola a una scatola. Capii al volo cosa voleva e non mi tirai indietro. Presi quei grossi coglioni in bocca e comincia a succhiarli mentre con le mani non smettevo di scappellargli il cazzo. Lo sentivo gemere e insultarmi, darmi della puttana e più lo faceva più io mi eccitavo. Presi ad alternare l’asta ai grossi coglioni pelosi di quel porco. Dopo 15 minuti di quel trattamento, a volte lento, a volte selvaggio mi prese per i capelli e mi sollevò. La maglietta mi venne tolta immediatamente e il mio abbondante seno tirato fuori dalle coppe. Prese a succhiarmi i capezzoli scuri e duri facendomi gemere forte. In poco tempo mI appoggiò a pecora su un tavolo e dopo avermi e mi slacciò la cintura e i pantaloni. Il mio bel culo cominciò a fare capolino mentre lui con studiata lentezza mi abbassava i pantaloni. Indossavo un paio di mutande nere, niente di sexy, a riprova che non immaginavo mai cosa sarebbe successo. Sentii la grossa cappella umida della mia saliva iniziare a strofinare sull’ingresso della mia figa “Cosa mi fai?” Gli chiesi scioccamente “Ti scopo, troia di una mammina” mi rispose sprezzante e con un colpo di reni senti la sua mazza aprirmi in due. Era almeno 3 settimane che non sfacevo sesso e mio marito non aveva certo una simile attrezzatura. Mi senti spaccata ma così piena. Sentii la sua morsa d’acciaio sui fianchi mentre prese a fottermi duramente, come meritavo. Ero una troia, una cavalla in calore e lui il mio stallone. Il ritmo era allucinante, avrà avuto anche 55 anni e con la pancia ma la resistenza non gli mancava. Sentii le sue dita muoversi dai fianchi e arrivare al clitoride e stringermelo. Questo mi fece esplodere, presi a godere come raramente mi era capitando, cominciando a schizzare per terra sul terriccio che faceva da pavimento. Ma questo non lo fermò, continuò a martellarmi duramente facendomi fare i peggiori versi e dandomi della troia. Decisi di provocarlo “Sei contento? Ora hai quello che non hai da mia figlia” e per tutta risposta lui scoppiò in una fragorosa risata “Puttana, la fica di tua figlia me la stò già lavorando i tutti i modi da parecchie settimane, quello che sto cercando di convincermi a darmi è altro” e sentii il suo pollice ficcarsi a tradimento nel culo. Sentire la sua mazza nella fica e un dito nel culo mi portò sull’orlo di un altro orgasmo “Ma non preoccuparti, è talmente vogliosa che la prossima volta me la inculerò per bene… ma per ingannare l’attesa …” sentii improvvisamente la bestia uscire dalla mia fica e appoggiarsi al mio culetto “no… ti prego li no…” gemetti e per tutta risposta ricevetti una sculacciata. Con molta lentezza iniziò a incularmi, facendo anche male. Ma mi piaceva, dio se mi piaceva. Più mi immaginavo la scena più mi eccitavo, io con i pantaloni e le mutande abbassate alle caviglie e le grosse tette di fuori che ballavano ai colpi fuoriosi che quel porco sconosciuto mi stava dando nel culo. “vuoi sapere di tua figlia? Non l’ho sedotta io sai? Ha fatto tutto lei…” mi raccontò nell’orecchio maligno mentre continuava ad incularmi. “L’ho beccata una volta fare una sega a uno dei ragazzi che fanno basket e ho il forte sospetto che lo abbia fatto apposta” continuò a raccontarmi mentre la sua mazza mi trivellava “Poi una sera è venuta da me mentre mettevo via i palloni e mi ha pregato di non dire niente a nessuno…” La sua nerchia continuava a farsi strada nel mio culetto “E quando le dissi che chiaramente non volevo mandarla nei casini lei, per tutta risposta, si è inginocchiata e mi ha succhiato il cazzo “Per ringraziarmi” mi aveva detto”. L’oscenità di quelle parole mi stavano facendo impazzire dal piacere “La verità è che tua figlia è come te, una puttana!” Sentii l’orgasmo montare dentro e presi a incitarlo “inculami, inculami forte!” e per tutta risposta prese a trapanarmi il culo con ancora più violenza e ardore. Fu troppo, esplosi gemendo e sbrodolando come mai avevo fatto in vita mia, bloccata in un orgasmo che non voleva sembrare mai terminare. Senza nemmeno accorgermi la mia mano si era spostata sul clitoride prolungando per quello che mi sembravano minuti quell’orgasmo favoloso. E infine crollai. Lui per non farsi spezzare il pene si sfilò per tempo. Senti il mio culo toccare il terriccio e rimasi in stato di semi incoscienza chiudendo gli occhi. Quando gli riaprii lui era li che troneggiava su di me menandosi lentamente il cazzo. Era stato bravo, avevo goduto come mai prima nella mia vita, gli presi il cazzo in mano e lo feci passare tra le mie grosse tette avvolgendolo completamente. Lo guardai negli occhi, da brava cagnetta sottomessa, mentre lui mi guardava con quei occhi blu da porco infoiato. Era tardi, mancava poco alla fine dell’allenamento. Presi a massaggiargli lo scroto mentre continuavo la sega con le mie tette e finalmente venne pure lui. Venne forte, schizzandomi tra i senti tutta la sua voglia. Ero soddisfatta, appagata ma con la testa che mi girava per le emozioni provate. Lui per tutta risposta tirò fuori il cellulare e mi fece qualche foto. Non fossi stata in quello stato di ubriachezza di sesso lo avrei fermato ma invece lo lasciai fare “Così ho un bel ricordo della prima volta” e tirandosi su i pantaloni se ne andò lasciandomi li, mezza nuda e ansante con il seno sporco di sperma, sperando che essermi “sacrificata” avrebbe voluto dire che il porco avrebbe lasciato in pace mia figlia.
Ma ovviamente, mi sbagliavo…

Primo racconto di un mio progetto di antologia sul tema mamme casalinghe che portano i figli al calcio.
Vorrei dirvi che scriverò un racconto a settimana, uno più eccitante dell'altro ma sappiamo come vanno queste cose, è probabile che questo racconto rimanga solo.

Commenti e pareri a

Questo racconto di è stato letto 7 0 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


recconti eroticieroticaraccontiiraccontidimiluerorici raccontiracconti di massaggiraccon ti eroticiracconti di masturbazione femminilestorie eroticaracconti di sesso estremosborra a go goprima sega raccontiracconti sesso realiculo rotto raccontiinculo mia suoceraracconti di sesso con la nonnastorie erotivhestorie di solletico eroticoracconti erotici africacornuto umiliatodonne che fottono con animaliautogrill gayracconti erotici suppostascoparsi la vicina di casaracconti orgeracconti di cuckoldracconti erotociclisteri eroticierotivi raccontiracconti eroticiincestoraccontipomoglie troia raccontimia moglie dal ginecologoracconti erotici iomilutette di mia mammaracconti incesto gayracconti eroticiincestoracconti gauincesto nonno nipoteracconto erotracconti:eroticiracconti donne sottomesseracconti a luci rossemamma troia raccontiracconti gay padre e figlioracconti erotici di stuproraccontieroticracconti erotici caneracconti sconcierotci raccontil'amica di mia ziaracconti di donne con transzoofilia con cavalliraccondi eroticiracconti erotici gay & bisexfetish storieracconti erotici di mogli troiela mia vicina troiaracconti erotici con vecchieracconti erotuiciraccondi eroticiracconti anonimiracconti erotici moglie condivisaracconti sesso matureracconti erotici culo sfondatoerotici racvontistorie fetishstorie feticisteprimo pompino raccontoracconti.eroticisuocera culonaracconti erotici nonnaracconti eroticuracconti eoriciraccontini eroticiracconti erotici scuola mediatorie pornola zia eroticastorie analiracconti sadomaso gayracvonti eroticistorie di masturbazione femminilebestialita con la ragazza e il cavallo